L’annuncio è di pochi giorni fa: Meta lancerà una suite di nuovi strumenti per aiutare le aziende a gestire meglio le conversazioni con i clienti sui suoi canali (Facebook, Instagram e WhatsApp), migliorare gli annunci a pagamento e i moduli di social lead per la generazione di contatti.

Il comunicato stampa del colosso è arrivato in occasione della National Small Business Week e si propone di “semplificare e migliorare la comunicazione tra utenti e aziende”. Si stima che ogni settimana oltre 1 miliardo di utenti si interfacci con un account aziendale attraverso i servizi di chat e che il 71% di questi affermi di voler comunicare attraverso messaggi con le aziende – rapidi, diretti e real-time – nello stesso modo in cui parla con amici e familiari.

Proprio per questo la prima novità riguarderà WhatsApp Business, portando i messaggi delle chat aziendali in un unico posto: l’Inbox di Facebook Messenger e Instagram Direct. Novità che permetterà di razionalizzare i flussi e gestire meglio i funnel di risposta, risparmiando tempo e aumentando la produttività. Ma non finisce qui: le aziende potranno creare annunci nativi direttamente da WhatsApp Business, senza dover più passare dalle diverse app per completarli.

Ma la conversazione e il nurturing non sono l’unica metrica presa in esame: Meta concentra la sua attenzione anche sulla lead generation attraverso il rilascio di un update del modulo contatti. Due le novità in questo senso: 

  • Filtri ai contatti su Facebook: grazie all’introduzione delle domande a scelta multipla, le aziende potranno filtrare meglio i lead individuando subito quelli di qualità 
  • Format più interattivo: il modulo potrà essere arricchito con maggiori elementi visivi (immagini e testo) così che l’azienda possa personalizzarlo per renderlo più accattivante, nonché fornire maggiori informazioni all’utente in prima battuta che possano stimolarlo a rilasciare i dati. Inoltre, verrà data la possibilità di caricare dei freebie – come brochure, white paper, etc – già molto usati nelle strategie di lead generation su landing page per “scambiare” il dato con il download di un piccolo documento in omaggio e massimizzare la conversione. 

Insomma, un altro piccolo passo per Meta e una grande occasione per le imprese di ragionare in chiave strategica mettendo sempre di più il rapporto con clienti e prospect al centro.