“YES!”
Ecco come ha commentato Elon Musk, cofondatore e capo di Tesla, la decisione del cda di Twitter di accettare la sua offerta di 44 miliardi di dollari – ebbene sì, 54,20 dollari per azione! – per assicurarsi il controllo del social network. 

Dopo un iniziale rifiuto da parte del CEO Agrawal e i suoi, dovuto principalmente alla poca chiarezza sulla remunerazione degli azionisti, è arrivata la notizia e, con lei, il tweet (naturalmente) di Musk: 

Ci vorrà un po’ perché l’operazione si chiuda, ma si prevede che il network lascerà Wall Street entro e non oltre il 2022.   

Cosa ci dobbiamo aspettare? Chi può dirlo, il buon Elon è sempre stato particolarmente eclettico e molto poco prevedibile, ma sappiamo due cose: 

  1. Si proclama il paladino della libertà -> dalla capsula spaziale Crew Dragon di SpaceX, soprannominata Freedom, con cui tornerà a volare Samantha Cristoforetti, alla sua vision di Twitter “voglio renderlo la piattaforma della libertà di parola per eccellenza” 
  2. È un imprenditore e ragionerà da imprenditore -> chissà se il nuovo Twitter prevedrà nuove funzionalità innovative pensate per le aziende e il parterre di utenti, dagli attuali 3,75 milioni in Italia, si allarghi così a macchia di pixel? 

Staremo a vedere, aspettando il prossimo cinguettio luminoso. 

Se ti alzi al mattino e pensi che il futuro sarà migliore, è un giorno luminoso. Altrimenti, non lo è.
Elon Musk